Effetto Dad

Effetto Dad scuola d’estate tra recuperi piscina e orti

Istituti al lavoro per proseguire le attività integrative dopo l’ultima campanella, grazie ai fondi del Miur (700mila euro)

In attesa di un nuovo inizio. Agli oltre 700mila euro affidati dal Miur alla scuola piacentina per svolgere attività scolastiche integrative durante l’estate 2021, onde tentare di sanare un anno altalenante quanto a presenze in aula, non si sono aggiunti purtroppo molti altri fondi (vedi i Pon, i fondi europei, che Piacenza ha visto soltanto da lontano).

Ma le 34 dirigenze didattiche piacentine, chi ora chi a settembre, hanno comunque operato al meglio - e lo faranno - per offrire attività. All’ISII Marconi quasi 250 studenti sono ora impegnati in attività laboratoriali e sportive liberamente scelte oppure in percorsi di aiuto allo studio estivo per gli studenti che avranno esami a settembre. Sono otto i laboratori elettivi estivi attivati che spaziano dalla chimica alla fisica alla tecnica del podcasting all’inglese, e una ventina i corsi blended di accompagnamento allo studio estivo, con un avvio in presenza, una consulenza a distanza e un ritorno in presenza a fine agosto.

Alcuni studenti dell’ISII Marconi impegnati nelle attività sportive: qui si impara il nuoto

"Così il biennio di didattica a distanza forzata - afferma il preside, Mauro Monti - mostra di avere un futuro anche in contesti di riduzione della pandemia, perché aiuta a tenere aperti contatti scuola-alunno anche durante le vacanze". Inevitabile materia “regina” dei corsi è la matematica. Particolarmente gradite, non solo per il clima, le offerte elettive di attività sportive: atletica leggera negli spazi interni alla scuola e avvio alla pratica del nuoto in piscina per i principianti.

Al Settimo Circolo-Pezzani quaranta alunni delle classi terze, quarte e quinte nei giorni scorsi hanno dato vita al concerto finale del progetto “Musica e società”, mentre al Quinto Circolo-Vittorino da Feltre solo da pochi giorni hanno avuto termine due progetti che hanno visto coinvolti 90 alunni (anche se le richieste sarebbero state oltre il doppio): un summer camp in inglese, con insegnanti madre lingua, ed un secondo progetto mirato alla cittadinanza, che ha condotto i bambini e le bambine della Vittorino tra i tesori architettonici e storici della città, dalla basilica di San Sisto a piazza Cavalli.

"Le richieste delle famiglie erano molto superiori ai posti - spiega la dirigente del Quinto, Monica Caiazzo - ci siamo dovuti fermare alle attività consentite dai 14mila euro arrivati dal Miur, per i Pon la candidatura c’era ma non è arrivato nulla". Il progetto sulla cittadinanza in particolare, attraverso la conoscenza del territorio, delle sue risorse e delle sue componenti ambientali e monumentali, si è proposto di attivare, stimolare ed esercitare consapevolmente la cittadinanza attiva nei bambini attraverso un’azione congiunta delle diverse agenzie educative (scuola, servizi, associazioni) in un medesimo territorio di vita, nella fattispecie il Comune di Piacenza. A latere della scuola estiva, alla Vittorino c’è stato da registrare, due giorni fa, col primo collegio docenti tornato in presenza nel cortile della scuola di via Manfredi, la festa di pensionamento di ben sette insegnanti della scuola: Marilena Carragli, Elena Aramini, Donata Lo Russo, Umberta Rocchetti e Alessandra Norlasso per la scuola primaria e Marinella Bignardi e Sandra Perini per la scuola dell’infanzia. Quest’ultima, Sandra Perini, è un simbolo da 25 anni, referente di plesso della scuola dell’infanzia “Collodi”.

Estate di scuola e terra per gli studenti delle classi terze del tecnico Raineri diretto da Teresa Andena (alla scuola il progetto ministeriale ha destinato 26mila euro): suddivisi per gruppi i ragazzi sono impegnati per le vacanze nella gestione degli orti, sia nella sede di Piacenza che in quella di Castelsangiovanni. Arriverà la vendemmia, e con essa prenderanno il via anche le attività che porteranno all’imbottigliamento del vino. Nei piani estivi dell’istituto anche corsi di recupero (in attività) di matematica e chimica, mentre dal primo settembre si procederà con le verifiche per gli studenti ammessi con debito.

Simona Segalini

Dal quotidiano Libertà - mercoledì 30 giugno 2021